martedì 28 giugno 2011

Inizi e ricordi


Chiudo il tramonto,
ogni sera, in una scatola.
Così faccio,
ogni mattina,
dell’alba.
Una scatola di legno
con una chiave,
che da sotto il nichel,
il continuo uso,
fa spuntare l’ottone.
Una chiave,
che come un plettro,
trova sempre nuove note,
sulle corde del mattino e
della sera.

2 commenti:

  1. Ed ecco il mio poeta che riscappa fuori con la sua dolcezza e profondità! E' proprio bella!!!

    RispondiElimina
  2. ogni tanto mi scappa.
    Un abbraccio

    RispondiElimina